Wolverine Serie Oro #8: Io sono Wolverine, la Recensione – NO SPOILER

Fumetti
Vito Fabrizio Brugnola
Laureato in Filosofia con tesi su Kant e la filosofia analitica, tutor online di filosofia e storia, appassionato di disegno, curatore della rubrica di storie brevi a fumetti "BadLands" (tempo permettendo) e contributor per NerdPlanet.it, attualmente si dedica a tematiche con analisi dati, data science e machine learning. Ha nel cassetto una graphic novel sci-fi che prima o poi finirà.

Laureato in Filosofia con tesi su Kant e la filosofia analitica, tutor online di filosofia e storia, appassionato di disegno, curatore della rubrica di storie brevi a fumetti "BadLands" (tempo permettendo) e contributor per NerdPlanet.it, attualmente si dedica a tematiche con analisi dati, data science e machine learning. Ha nel cassetto una graphic novel sci-fi che prima o poi finirà.

Come ogni giovedì, arriva la recensione dell’ultima uscita della Serie Oro Wolverine, allegato a fumetti di Tuttosport. Indovinate un po’? Siamo alle solite. Wolverine è nuovamente in Giappone, per onore e per amore. La mini serie raccolta in questo volume è Io sono Wolverine, scritta da Chris Claremont e disegnata da Frank Miller, pubblicata nel 1982.

La storia

Preambolo

Prima di addentrarci nella recensione vera  e propria dobbiamo tenere presente alcuni elementi di sfondo.

La storia vera, divisa in 4 capitoli, si chiama Wolverine e fu scritta in un periodo in cui il mutante artigliato non aveva una sua pubblicazione specifica.

Wolverine, nei primi anni Ottanta, era solo e soltanto uno degli X-Men, e di conseguenza questa miniserie fu prodotta e pubblicata in Uncanny X-Men per saggiare il carisma del personaggio ed una eventuale serie regolare dedicata a lui.

Risulta palese dire che poi, effettivamente, il grande fascino di Wolverine fece ottenere a questo mutante una serie tutta sua.

Onore e amore

Siamo alle solite. Wolverine è nuovamente in Giappone, per onore e per amore. Venuto a sapere che l’amatissima Mariko è stata obbligata ad un matrimonio riparatore dal padre, il romantico mutante si reca in Giappone per fermare l’unione.

A quel punto però, per dimostrare di essere degno, Logan si scontra con il padre di Mariko, Lord Shingen e per la prima volta il mutante le riceve di santa ragione.

Umiliato, Logan  si dà al vagabondaggio nella terra del Sol Levante fino a che non incontra l’affascinante Yukio, valorosa ninja che consolerà il nostro eroe dalla perdita della cara Mariko.

Wolverine contro La Mano

Wolverine contro La Mano

Ovviamente la storia non si conclude qui. Si verrà a scoprire che il fratellastro di Mariko altri non è che Silver SamuraiKenuichio Harada, che vuole l’impero del padre Shingen. Wolvie dovrà lottare contro di lui.

Per chi ha letto la recensione de Il più ricercato del Giappone, dove anche lì era presente un Silver Samurai, dobbiamo precisare che Kenuichioè il nonno di Shin.

Wolverine vs Silver Samurai

Wolverine vs Silver Samurai

La leggibilità

Nello stile di Claremont la storia è molto leggibile, lineare seppur ricca e complesso. Essendo poi una miniserie  a puntate, non sono rari i riassunti che permettono di mettere a fuoco quello che è successo.

Ricorrono, forse un po’ troppe volte, i dialoghi interiori in cui Logan spiega i suoi poteri. Tuttaiva, dobbiamo ricordare che quando fu pubblicata la storia la figura del mutante non così nota.

I disegni

I disegni sono opera di Frank Miller e di Paul Smith. Si può dire davvero poco, se non fare delle note a margine. Ad esempio, che il tratto non propriamente accademico di Miller sia stato bilanciato da quello di Smith. Il volume scorre a meraviglia e, guardando il modo di colorare i fumetti prima del digitale, l’atmosfera in cui ci si immerge è ancora più affascinante. Lasciamo che i disegni parlino da sé mostrandovi una tavola.

Concludendo

Io sono Wolverine è uno tra i titolo più importanti presenti in questa collana. Chris Claremont è a tutti gli effetti l’uomo della Marvel più coinvolto nell’universo mutante e Frank Miller è Frank Miller.

Come in tutte le storie di Wolverine, si parla anche e soprattutto di perdita, di una pace che non si riesce a raggiungere.

Inoltre, se avete visto Wolverine l’Immortale, è bene che sappiate che quel film è tratto da questo fumetto.

Noi di Nerdplanet vi diamo appuntamento alla prossima settimana con la recensione di quello che  forse il numero più importante di questa collana: Arma X.

Wolverine Serie Oro #8: Io sono Wolverine

€ 8,99
Wolverine Serie Oro #8: Io sono Wolverine
7.6

Storia

8.0 /10

Narrazione

7.0 /10

Chine

7.5 /10

Disegni

7.0 /10

Indipendenza

8.5 /10

Pros

  • Una storia fodamentale per capire il rapporto tra Wolverine e il Giappone
  • Toni shakesperani
  • Combo Claremont-Miller

Altri articoli in Fumetti

Bendis parla delle differenze tra Marvel Comics e DC Comics

Giulio Pio Dima27 maggio 2018

Un nuovissimo Ant-Man debutta sulle pagine di Old Man Hawkeye

Gianfranco Autilia27 maggio 2018

Bendis rassicura i fan riguardo le sue storie per Superman

Giulio Pio Dima26 maggio 2018

Il costume di Captain Marvel dell’MCU debutta anche nei fumetti

Gianfranco Autilia26 maggio 2018

Un personaggio Marvel morirà in The Immortal Hulk #4?

Gianfranco Autilia25 maggio 2018

[SPOILER] Un personaggio iconico ritorna in vita in Invincible Iron Man #600

Gianfranco Autilia25 maggio 2018