War of the Realms: nuovi dettagli su Giant-Man, ecco le prime pagine di Marco Castiello!

Fumetti
Gianfranco Autilia

Domani 15 maggio debutterà negli Stati Uniti con il suo primo numero la miniserie Giant-Man, scritta da Leah Williams per i disegni del partenopeo Marco Castiello. Composta da un totale di tre uscite, quest’interessante pubblicazione sarà fortemente connessa alla Guerra dei Regni e si focalizzerà su quattro successori del leggendario Hank Pym, vale a dire Ant-Man (Scott Lang), Atlas (Erik Josten), Golia (Tom Foster) e, infine, il nuovo Giant-Man, Raz Malhotra, introdotto nel 2015 da Nick Spencer sulle pagine di Ant-Man Annual #1. Oltre ad aver intervistato la Williams, il portale Newsarama ha di recente mostrato le prime pagine tratte da Giant-Man #1: le trovate qui in basso, assieme alla copertina di Woo Cheol.

Con le seguenti parole, Leah Williams ha raccontato a Newsarama perché la miniserie in questione si intitola Giant-Man e non Giant-Men.

“Penso che per me non sia un problema dirlo, ma si intitola Giant-Man perché avevamo bisogno di rinnovare il marchio per quel titolo in particolare; e con il fatto che esso tempisticamente si allinea perfettamente con War of the Realms, c’è semplicemente stata una grande opportunità per far accadere questa storia e prendere in pratica due piccioni con una fava. Il nostro team è composto da Atlas, Golia, Giant-Man e Ant-Man. Si chiama ‘Giant-Man’ e non ‘Giant-Men’ a causa del marchio e per ragioni legate alla sua riconoscibilità (il pubblico sa cosa aspettarsi quando vede il nome ‘Giant-Man’, e questo perché il vero e attuale Giant-Man è presente al suo interno).”

Successivamente, la sceneggiatrice ha svelato che i quattro protagonisti si imbarcheranno in un’elettrizzante missione ambientata a Nuova Jotunheim (Florida) su ordine di Freyja, la madre di Thor, spiegando inoltre che gli eroi “Sono stati reclutati da Freyja per una missione molto specifica. Non voglio dire esattamente di cosa si tratta solo per ragioni di spoiler, ma ovviamente questi uomini condividono un talento unico e per questo Freyja vede che c’è un’opportunità.”

Newsarama le ha poi chiesto se ha avuto modo di utilizzare un Giant-Man in particolare che lei preferisce. Williams ha risposto: “Oh, sì. Anche la gente potrà capire esattamente di chi si tratta. Io e il mio editor abbiamo visto da chilometri di distanza quale preferito dai fan sarà nel gruppo. E non è che stia sproporzionatamente favorendo questo personaggio, è che lui è qualcuno che al momento non dispone dello stesso livello di adorazione alla pari di qualcuno come Scott Lang, quindi lui starà per ricevere molti più fan grazie al modo in cui lo sto scrivendo in Giant-Man. Qualche volta mi connetto con i personaggi in modi che non mi sarei mai aspettata, e alla fine loro finiscono per darmi un bel calcio nel sedere. Sto parlando di Northstar in X-Tremists e Atlas in Giant-Man. Inserire questa testa di rapa tra geni della scienza come Scott, Raz e Tom mi ha fatto davvero dispiacere per lui e voglio bilanciare con ciò che lui ha da offrire. Egli non ha lo stesso livello di istruzione superiore degli altri ragazzi, ma ovviamente possiede altre qualità e un approccio interessante con la moralità, quindi questo si mescola bene all’interno della dinamica del gruppo.”

Oltretutto, la storia vedrà anche la presenza di Karla Sofen, una supercattiva meglio nota come Moonstone che, in precedenza, ha affiancato Atlas nei Thunderbolts. Parlandone al riguardo, l’autrice ha affermato: “Questi due sono davvero interessanti perché la loro moralità non è rigida come quella di Scott Lang o Raz Malhotra. Tom Foster, anche con la sua storia di vendetta alle spalle, è qualcuno che segue di più la linea retta per ‘fare del bene solo perché è la cosa giusta da fare’ per quanto concerne il suo senso di giustizia. Ma Erik e Karla dal canto loro hanno avuto motivazioni completamente diverse – è così interessante vedere tutto questo all’opera all’interno della miniserie, e l’uno con l’altro. Non sono nemici, ma sono totalmente capaci di fare cose cattive perché Erik vuole sempre essere dalla parte dei vincenti, e la sua compassione certe volte può interferire con questo e rendergli le cose difficili. Ma Karla riguarda Karla. Lei è scaltra e sicura di sé, e detesta non sentirsi in controllo. La Guerra dei Regni è una prospettiva temibile per lei in un modo del tutto diverso rispetto a come Scott, Raz, Erik o Tom inquadrano questa stessa terribile situazione.”

Come specificato da Newsarama, questa sarà la prima prova di Leah Williams al di fuori del franchise degli X-Men, per cui ha di recente sceneggiato la miniserie Age of X-Man: The X-Tremists. Alla domanda riguardante com’è lavorare su altri progetti del Marvel Universe, la fumettista ha risposto così: “Spaventoso! Ma anche ristoratore! X-Men è… è un’esperienza completamente diversa da leggere e scrivere. Sono certa che le persone che leggono i fumetti degli X-Men sappiano esattamente cosa intendo quando dico questo. I fumetti degli X-Men sono differenti. Sono strani e assurdi in modi estremamente specifici che voi spesso non vivete all’infuori dei titoli legati ai mutanti. Perciò è stato spaventoso ma eccitante entrare per la prima volta in un mondo con un team che ha dinamiche e sensazioni completamente diverse, ma come risultato c’è stato semplicemente qualcosa di totalmente ossigenante in questa miniserie. Ho l’opportunità di giocare in un tipo di recinto del tutto diverso per la prima volta. È insolito da tutto ciò che abbia mai scritto prima per la Marvel.”

In merito al collaborare con Marco Castiello, la Williams ha aggiunto: “Lui porta un’imponente conoscenza della prospettiva, e per questo ringrazio molto! Questo fumetto è grandioso. Ogni personaggio ha un look unico, anche quando camuffato da Gigante di Ghiaccio, così che possiamo riconoscere tutti grazie alle loro figure. Questo è molto importante – noi giochiamo costantemente con giochetti di dimensioni in modi creativi in ogni scena di azione (e c’è molta azione), per cui essere capaci di riconoscere i nostri ragazzi a distanza mentre c’è ancora una comprensione della prospettiva e delle misure in scala legate a quanto enormi o piccoli sono i personaggi in relazione al paesaggio è criticamente importante! Il fumetto stava già per essere bellissimo in particolare con le acconciature dei capelli, ma Marco è andato oltre e di più inserendo la prospettiva! Questo renderà la miniserie ancor più godibile da leggere.”

Pur essendo stato il primo Giant-Man, è difficile che Hank Pym possa far parte di questa miniserie, dato che – dopo essersi unito fisicamente al figlio Ultron – è in seguito morto sulle pagine di Infinity Countdown #5. La Williams ha dunque confermato che non lo vedremo in Giant-Man.

“No, sfortunatamente non è presente! Hank Pym è ancora invischiato nelle conseguenze del suo essere Ultron, e questo è il motivo per cui non è stato disponibile per questa storia.”

L’intervista si è infine conclusa con le seguenti dichiarazioni, che lasciano presagire che nella suddetta serie limitata ci sarà qualcuno che farà il doppio gioco: “Beh, le persone dovrebbero preoccuparsi per tutto! Se i lettori non si interessano di questi personaggi e a ciò che capita loro, allora non sto facendo bene il mio lavoro. E poi – Atlas non è la talpa! Ho visto molte speculazioni dei fan al riguardo, ma sono felice di riferire che non è Erik. Posso dirlo perché per il momento sembra che la gente non abbia idea di ciò che effettivamente è in serbo o di chi sia la talpa, e io sono eccitata con il fiato sospeso per l’uscita di questo numero in parte solo perché così posso vedere le persone reagire alla rivelazione della talpa. Ci divertiremo un sacco e faremo felici tantissime persone. Questa è una piccolissima e singolare visione di tutto ciò che sta succedendo all’interno dell’intero War of the Realms, ma qui si tratta di tre uscite su una missione segreta ad alto tasso di adrenalina, dense di azione con protagonisti i tipi letteralmente più grandi della Marvel. Sono uomini giganti sotto copertura come Giganti di Ghiaccio nei territori dei Giganti di Ghiaccio, dipinti di blu che indossano perizoma e che cercano di non farsi beccare mentre sono alti quanto le montagne. Inoltre, questa pubblicazione è ambientata in Florida. Una menzione agli ‘Uomini della Florida’. E un’altra menzione al mio editor Chris Robinson per aver avuto l’idea di base con cui partire per questa brillante miniserie, e in qualche modo per essersela cavata mettendo questo sulla prima cover.”

A seguire potete leggere la sinossi ufficiale di Giant-Man #1.

Leggi anche:  Marvel Comics lancia la miniserie Giant-Man per War of the Realms!

“UN TIE-IN DI WAR OF THE REALMS! SULLE SPALLE DEI GIGANTI! Per il volere della Madre di Tutti Freyja, quattro uomini dovranno salire ad altezze mostruose e infiltrarsi nel più selvaggio territorio di Nuova Jotunheim: la Florida!”

Prima di concludere, vi ricordiamo che Giant-Man vedrà la luce in Italia per merito di Panini Comics sulle pagine di tre magazine speciali contenenti anche gli spin-off di War of the Realms sottotitolati War Scrolls (di Jason Aaron, Andrea Sorrentino e altri ancora), Spider-Man & the League of the Realms (di Sean Ryan e Nico Leon), Punisher (di Gerry Duggan e Marcelo Ferreira) e Uncanny X-Men (di Matthew Rosenberg e Pere Perez). Per ciò che concerne l’evento in sé, vale a dire la Guerra dei Regni orchestrata da Jason Aaron, Russell Dauterman e Matthew Wilson, esso sarà proposto a partire da settembre su quattro albi spillati da edicola e fumetteria.

Fonte: Newsarama

Altri articoli in Fumetti

Panini Comics, Punisher: annunciato per novembre il volume “World War Frank”

Gianfranco Autilia16 Luglio 2019

Panini Comics, Decenni Marvel: annunciato il volume dedicato agli anni Dieci!

Gianfranco Autilia16 Luglio 2019

DC Comics annuncia una nuova maxiserie dei Metal Man scritta da Dan DiDio!

Gianfranco Autilia16 Luglio 2019

Marvel estende la durata di Absolute Carnage, ecco la cover del quarto capitolo!

Gianfranco Autilia16 Luglio 2019

BOOM! Studios annuncia un team-up tra Power Rangers e TMNT disegnato da Simone Di Meo!

Gianfranco Autilia16 Luglio 2019

DC Comics lancia una serie di one-shot intitolata “Tales of the Dark Multiverse”!

Gianfranco Autilia15 Luglio 2019