The Don Rosa Library: Volume 2, la Recensione

Fumetti
Federica Vacca

Il secondo volume della collana dedicata all’opera omnia di Don Rosa continua il suo compito di divulgazione in modo preciso e interessante. La struttura non cambia. Troviamo infatti le otto storie di questo volume intervallate dalle pagine scritte dall’autore stesso che ci racconta tutti i retroscena relativi alle storie, le curiosità legate alla loro genesi e i particolari più nascosti, ma degni di nota, da scovare nelle tavole.


Il tono di questo volume è più leggero in quanto, delle otto storie pubblicate, sette sono storie brevi a gag, alcune di sole due tavole. Tre di queste sono state solamente disegnate da Don Rosa su testi di Gary Leach. Il fatto di essere brevi e divertenti non scalfisce comunque la qualità di queste storie che dimostrano la versatilità dell’autore. Punta di diamante di questo numero e unica storia a più ampio respiro è Zio Paperone e l’ultima slitta per Dawson che unisce avventura e sentimento, mostrandoci un aspetto di Paperone che ne arricchisce notevolmente la personalità, rendendolo un personaggio a tutto tondo e non una semplice macchietta a due dimensioni.

PAPERINO E I PASTICCI… DI ZUCCA


Realizzata nel 1987, è la seconda e ultima volta che Don Rosa utilizza il personaggio del vicino di casa di Paperino. Il vicino Jones era infatti stato creato da Barks per le storie a gag con Paperino, mentre Rosa ripete spesso che si trova più a suo agio nelle storie di ampio respiro. L’unica altra storia con questo personaggio è appunto Paperino e l’auto a pezzi pubblicata nello scorso numero di questa collana. La storia è una battaglia a colpi di zucca tra i due vicini di casa, che ovviamente perderanno il controllo della situazione accecati dalla rivalità. Divertente il commento dello stesso autore che, riguardando i suoi primi disegni, li definisce “raccapriccianti”.

PAPERINO E L’ALBERO DI NATALE

Questa storia, così come quella precedente, appartengono al periodo in cui Don Rosa lavorava per la Gladstone Publishing, durante il quale, quindi, dovette sottostare ad alcune richieste. Sebbene infatti la sua specialità fossero le storie lunghe, gli furono commissionate alcune storie a gag riempitive e questa fa parte di quel gruppo. Rapidissima, in 4 tavole, racconta il tentativo di Paperino di realizzare il migliore albero di Natale di sempre.

ZIO PAPERONE A CACCIA DEL GIORNALE

In qualità di unico disegnatore della Gladstone, a Don Rosa venne non solo chiesto di scrivere delle storie riempitive a gag, ma di disegnarne alcune scritte da altri. Questo è uno di quei casi. Scritta da Gary Leach, è composta di sole 2 tavole in cui Paperone cerca di recuperare il suo prezioso giornale e che si risolvono nell’unica gag finale.

PAPERINO E LA FORTUNA SOTT’OLIO


Si tratta di una delle poche storie in cui Don Rosa tratta l’argomento della fortuna infallibile di Gastone. Convinto che si fosse già raccontato in ogni modo della sua peculiarità e dei tentativi di Paperino di sfidarla, riuscì a scriere una storia originalissima in cui la fortuna di Gastone agisce a suo sfavore, tutto per una questione di probabilità. Ma fino alla fine, non è detta l’ultima parola.

ZIO PAPERONE  E L’ULTIMA SLITTA PER DAWSON

Si tratta della terza grande avventura dei paperi scritta da Don Rosa e ispirata a due lavori a lui cari. La prima ispirazione fu Zio Paperone e la Stella del Polo del 1953 di Carl Barks. In questa storia Barks ci mostra il giovane Paperone cercatore d’oro nel Klondike, un papero ancora innocente ma pieno di forza di volontà e di buone speranze e ci introduce il personaggio della vecchia fiamma di Paperone: Doretta Doremì. La papera ci viene mostrata nel presente e in condizioni economiche precarie, ma Paperone le permetterà di trovare dell’oro nascosto nella sua proprietà. L’altra fonte di ispirazione fu la storia scritta da Carl Fallberg e disegnata da Tony Strobl e Steve Steere Paperino e il segreto del ghiaccio. In questa storia, ambientata durante il periodo da cercatore d’oro di Paperone, viene raccontato l’episopdio in cui lo Zione perdeva la sua slitta nel crepaccio di un ghiacciaio per poi recuperarla anni dopo al disgelo. Don Rosa prese in prestito questo elemento, ignorando il resto della storia, e la storia di Barks per creare la sua nuova grande avventura. In questa storia, infatti, Paperone ripartirà per il Klondike per recuperare la preziosa slitta andata persa tanti anni prima. Meraviglioso e toccante il finale in cui si scopre il contenuto della slitta e il motivo dell’accanimento di Paperone nel recuperarla, che getta una luce nuova sul personaggio e soprttutto sul vero significato della sua ricchezza.

PAPERINO E IL SOGNO SPAZIALE

Si torna alle gag e alle storie brevi. Questa è stata nuovamente scritta da Gary Leach, ma Don Rosa non ha perso l’occasione per impreziosire le due tavole che ha dovuto illustrare con tanti piccoli e curiosi elementi grafici che divertono più della storia stessa ambientata nello spazio.

ZIO PAPERONE IN FORMA PER IL FISCO

Ultima storia del volume solamente disegnata da Don Rosa. Anche in questo caso si tratta di due tavole con protagonista Paperone alle prese con l’allenamento per un’insolita competizione sportiva esclusiva.

PAPERINO E LA PUNIZIONE CON STILE


Chiude il volume un’altra storia a gag, questa volta interamente scritta e disegnata da Don Rosa. La particolarità di questa storia è il fatto di essere l’unica scritta dall’autore in cui i nipotini tornano a essere monelli come alle origini e smettono la veste di coscienziosi e integerrimi ragazzini. Nelle storie di Barks li vedimo in entrambi i ruoli, ma quelle con cui Don Rosa è cresciuto appartnegono alla seconda fase dei nipotini. In questo ritorno alle origini Qui, Quo e Qua decisono di marinare la scuola per passare una giornata in totale libertà, ma dovranno faticare per sfuggire a Paperino sempre in agguato, seppur inconsapevolmente.

Come nello scorso numero, chiude il volume una galleria di copertine realizzate da Don Rosa tra il 1987 e il 1990 per storie sue, di altri autori e per alcune classiche storie di Carl Barks.

Il terzo volume della Don Rosa Library sarà disponibile in fumetteria dal 10 gennaio.

The Don Rosa Library Volume 2

8.90 €
8.6

Storia

8.0/10

Disegni

8.0/10

Colori

10.0/10

Scorrevolezza

10.0/10

Complessità

7.0/10

Pros

  • È la prima raccolta in italiano dell'opera omnia di Don Rosa corretta e rivista dall'autore
  • Schede di approfondimento ricche ed interessanti
  • Bozzetti e copertine originali delle singole storie pubblicati in fondo
  • Qualità delle storie

Cons

  • Prezzo sopra la media dei prodotti Panini
  • Alcune storie sono brevissime

Altri articoli in Fumetti

Captain Marvel #1, ecco le variant di Artgem, Nakayama e altri artisti

Gianfranco Autilia14 Dic 2018

Catwoman, Joëlle Jones non disegnerà il numero 7 della serie DC Comics

Gianfranco Autilia14 Dic 2018

Thor e Valchiria vengono imprigionati nelle prime pagine di Thor #8

Gianfranco Autilia14 Dic 2018

Defenders: The Best Defense #1, ecco le prime pagine dell’albo Marvel

Gianfranco Autilia14 Dic 2018

Ecco tutte le variant cover di Phil Noto per gli 80 anni della Marvel

Gianfranco Autilia14 Dic 2018

Batman: Creature of the Night, posticipata l’uscita dell’ultimo capitolo

Gianfranco Autilia14 Dic 2018