Una Storia del Caso, La Recensione – NO SPOILER

Fumetti
Marco Vuono
Manga, comics, libri e chi ne ha più ne metta, non esiste un genere che lui non gradisca o che non lo possa interessare. La sua curiosità non ha limiti: che sia horror, distopia, fantascienza o qualsivoglia altra tipologia, adora spaziare a 360 gradi (dal gekiga, al comics supereroistico, fino al fumetto d'autore europeo e non solo) così da imparare sempre qualcosa di nuovo. Originariamente formatosi tramite le letture di Batman (personaggio per cui prova un amore incondizionato), nel tempo ha saputo affinare il suo giudizio critico apprezzando ogni forma di lettura.

Manga, comics, libri e chi ne ha più ne metta, non esiste un genere che lui non gradisca o che non lo possa interessare. La sua curiosità non ha limiti: che sia horror, distopia, fantascienza o qualsivoglia altra tipologia, adora spaziare a 360 gradi (dal gekiga, al comics supereroistico, fino al fumetto d'autore europeo e non solo) così da imparare sempre qualcosa di nuovo. Originariamente formatosi tramite le letture di Batman (personaggio per cui prova un amore incondizionato), nel tempo ha saputo affinare il suo giudizio critico apprezzando ogni forma di lettura.

Una storia del caso“ è il nuovo lavoro scritto e disegnato da  Pierz, giovane autore di fumetti conosciuto ai molti per  “Ravioli Uèstern”, diventato un vero fenomeno nella rete e nei Social Network per il suo linguaggio satirico ma al tempo stesso crudo e diretto.

Pubblicata da Shockdoom, Una storia del caso“ è sicuramente una di quelle opere che si collega perfettamente alle tematiche di web e fumetto che l’azienda italiana tratta. L’autore, che si avvale di una forma particolare e innovativa di narrazione, utilizza come tramite lo strumento multimediale lasciando che sia lo stesso motore di ricerca (e quindi la casualità) a toccare i vari punti fondamentali della storia.

Un espediente narrativo all’apparenza sorprendente, ma che si rivela in realtà niente di più che un mero esperimento. L’autore utilizza la voce casuale di Wikipedia per portare avanti la trama. Il vero problema si presenta quando trova voci non adatte ai fini della narrazione, e che non vengono sfruttate se non per una gag che risulta ripetitiva già al secondo utilizzo. In un webcomic avrebbe sicuramente avuto un altro effetto, coinvolgendo in maniera diretta i follower, ma su carta stampata risulta piuttosto limitante, con una storia che sembra voler narrare qualcosa, ma finisce per non narrare nulla.

A una prima lettura si potrebbe rimanere confusi da ciò che Luca “Pierz” Piersantelli  cerca di comunicare, ma dopo una più attenta analisi gli va dato merito di trattare in maniera brillante e ironica svariati temi sociali resi ancor più divertenti grazie alla sua parte più creativa e artistica. Il vero difetto risulta invece l’affrontare tutto ciò in maniera spesso superficiale e qualunquista. Gli spunti finiscono così per esserci, ma senza la possibilità di farsi sentire in maniera chiara e diretta. Si ride, si scherza, ma non si affronta il succo del problema, con una narrazione piuttosto banale e omologata.

Il risultato finale è una via di mezzo che non riesce a colpire né in un senso, né nell’altro. Shockdom vuole sfruttare l’onda del web, ma il problema è che spesso ciò che nasce sul web trova vita difficile nella trasposizione cartacea. Questo perché i due media hanno tempi e stili completamente differenti. Questo è il motivo per cui Una Storia del Caso finisce per non convincere, non a causa del lavoro di Pierz in sé per sé, ma a causa del media scelto.

Tra i punti a favore troviamo invece la capacità di far ridere “dissacrando” i cliché della narrazione, non solo fumettistica, ma anche televisiva e cinematografica. La rottura della quarta parete e le molte citazioni rendono Una Storia del Caso ricca di piccole chicche, in grado di far sorridere il lettore, scopo principale di questo lavoro.

Per concludere, l’opera ha un suo valore che indiscutibilmente viene sottolineato da questa forma innovativa di linguaggio, benché la lunghezza eccessiva della storia, non si sposi perfettamente con la velocità dei dialoghi che fanno della satira sagace il suo punto di forza mediante situazioni bizzarre e paradossali.

6.6

Sceneggiatura

6.0/10

Disegni

6.0/10

Umorismo

7.0/10

Originalità

8.0/10

Ritmo della narrazione

6.0/10

Pros

  • Idea originale
  • Satira

Cons

  • Idea buona, ma su un media sbagliato
  • A tratti ripetitivo

Altri articoli in Fumetti

Panini Comics annuncia i nuovi volumi della Venom e della Spider-Man Collection

Gianfranco Autilia24 Giugno 2019

Panini Comics ristamperà gli Avengers di John Byrne a dicembre

Gianfranco Autilia24 Giugno 2019

DC Comics annuncia una lunga lista di graphic novel per giovani lettori

Gianfranco Autilia24 Giugno 2019

Marvel, le prime pagine di Russell Dauterman per il finale di War of the Realms!

Gianfranco Autilia23 Giugno 2019

Marvel, House of X: un nuovo teaser dice di “Affrontare il Futuro”

Gianfranco Autilia23 Giugno 2019

Miles Morales: Spider-Man, Saladin Ahmed riporterà in grande stile l’Universo Ultimate!

Gianfranco Autilia23 Giugno 2019