Marvel, Jonathan Hickman si sbottona su House of X e Powers of X

Anteprime
Gianfranco Autilia

Questo luglio, la Marvel Comics comincerà a rivoluzionare oltreoceano il suo intero parco testate mutante attraverso il lancio di due nuove miniserie da sei numeri scritte dalla superstar Jonathan Hickman, ossia House of X e Powers of X, che vanteranno rispettivamente i disegni di Pepe Larraz e R.B. Silva per i colori di Marte Gracia. Queste due fondamentali pubblicazioni saranno gli unici X-titoli in circolazione per un lasso di tempo di ben dodici mesi. Dopodiché, verrà dato il via a una prima ondata di rilanci mutanti con team creativi inediti. Intervistato dal portale Comic Book Resources, il già citato Hickman ha esternato i suoi pareri circa il franchise degli X-Men, smentendo inoltre alcune interessanti teorie inerenti alle trame di House of X e Powers of X.

Nella succitata intervista, è stato chiesto a Hickman cosa mancasse negli ultimi anni al parco testate dei Figli dell’Atomo. Ecco la sua risposta: “Beh, questa è una domanda trabocchetto. Posso assicurarvi che quel che non mancava è il talento. Un sacco di autori veramente in gamba ha lavorato su questi fumetti, e nel precedente decennio in cui ero in Marvel, molti di loro erano miei grandi amici. Potrete certamente dire che quando Bendis stava scrivendo queste serie stava realizzando cose interessanti, lavorando con una splendida sfilza di artisti — io onestamente non riesco a ricordare quando la linea di albi mutanti è sembrata migliore di così. Ma ricordo il giorno in cui lui ha lasciato quei fumetti e perché, ed è importante tenere a mente che molto di questo nostro lavoro ha a che fare con l’alchimia, non con la chimica. A volte gli interessi della compagnia si trovano in altri posti. Altre volte i tuoi tempi non sono buoni e il mercato cospira contro di te. Talvolta il mondo reale ostacola il modo in cui una storia viene percepita. Certe volte la concorrenza ti fa fuori e si prende tutto il tuo spazio. Queste sono cose che richiedono un’enorme quantità di sforzo, tempo e soldi da controllare. Poi, ovviamente, ci sono fattori che puoi tenere sotto controllo, e uno di quelli a cui penso maggiormente è il valore. Non so se avete prestato attenzione a ciò che Tomm Coker e io abbiamo fatto in Image su The Black Monday Murders, ma abbiamo iniziato a sperimentare con uscite più grandi per un prezzo di copertina più elevato. Avremmo realizzato un fumetto con 30 tavole disegnate e 20-30 pagine di dati che assecondano la storia, e quel che noi abbiamo scoperto è che 1.) ha fornito una lettura decisamente più densa — era molto più corposa rispetto a un normale fumetto mensile, e 2.) dato che i dati erano intervallati per tutto il fumetto, c’è stata una lettura asimmetrica che ha cambiato i ritmi di lettura di un semplice albo mensile. E con questo ultimo punto voglio dire che se state leggendo un fumetto da venti pagine, sapete già quel che sta accadendo con la diciannovesima pagina. Avete trangugiato talmente tanta cultura pop che non sarete davvero sorpresi quando girerete quella pagina. Voglio dire, è possibile, ma certamente qualche cosa ve la potevate aspettare. Fare fumetti in altri modi cambia tutto ciò. Il lettore si perde nelle due sezioni. È davvero interessante. Comunque, ve ne sto parlando perché sarà quel che faremo con House of X e Powers of X. Lo so che le anteprime dei primi numeri di entrambe le miniserie dicono che avranno 40 pagine per 5,99$, ma non è esatto. I due albi sono ancora più grandi perché se noi possiamo offrire un buon prezzo, questo incrementa le nostre possibilità che il fumetto sarà giudicato soltanto sulla sua qualità. E questa è una sfida che siamo desiderosi di intraprendere. Oh, probabilmente dovrei anche far notare che stavamo lavorando con il designer Tom Muller sulle pagine scritte. Sono molto eccitato per questo. Muller ci sa fare sul serio.”

Come è stato fatto notare da CBR, l’eccezionale promo art di Mark Brooks per House of X e Powers of X mette al centro dell’attenzione svariati personaggi mutanti sia buoni che cattivi. Tuttavia, quel che più stupisce è il fatto che alcuni di essi abbiano dei costumi alquanto insoliti tratti da periodi molto specifici nella vita di ognuno di loro. Diversi punti interrogativi ci vengono instillati in particolar modo anche da altri due personaggi: parliamo della donna con le trecce di Dani Moonstar e la pelle metallica di Colosso che impugna la spada di Magik e del Nightcrawler dalla carnagione rossa. Questi sembrerebbero quindi essere delle nuove iterazioni o semplici mash-up di personaggi a noi ben noti, magari provenienti addirittura da linee temporali alternative. Eppure, Hickman ha confermato che né House of XPowers of X tratteranno di altre timeline o di viaggi nel tempo: “Noi non stiamo raccontando una storia di linee temporali alternative. Non sto raccontando una storia che affronti i viaggi nel tempo.”

Così come alcune tavole interne che sono state rilasciate online, le cover di House of X #1 e Powers of X #2 vedono la presenza di molta vegetazione. CBR ha quindi supposto il coinvolgimento di Krakoa, chiedendo a Hickman di svelare qualche dettaglio al riguardo senza fare eccessivi spoiler. L’autore di Fantastic Four e Avengers non si è sbilanciato più di tanto, affermando: “Okay, questa è la terza domanda di fila che sto evitando perché non ho proprio intenzione di spoilerare la storia per coloro che non vedano l’ora di leggerla. Ai tempi vecchi lo avrei assolutamente fatto, penso. Quando ho iniziato a scrivere fumetti onestamente non riuscivo a stare zitto. Volevo parlare del ‘mio procedimento’, e di ciò che speravo di raggiungere in un albo, e poi quando il fumetto veniva pubblicato volevo specificare il significato di tutto quello che c’era solo per far sì che il lettore sapesse esattamente quanto intelligente fossi. Era terribile. Ricordo che ero a uno show e un fan venne da me parlandomi di quest’elaborata teoria che si erano costruiti circa ciò che io volevo dire in ogni uscita di, non so, penso che fosse dei Fantastici Quattro. Ad ogni modo, ricordo quanto ci rimase male questa persona quando gli dissi che la sua teoria era sbagliata e perché. Voglio dire, questo tipo era distrutto, e tutto ciò a cui pensavo era, ‘Perché l’ho fatto?’. Perché mi ricordo che quando ero un bambino, ero solito fare la stessa cosa, leggevo il fumetto e immaginavo dove potesse arrivare la storia o cosa sarebbe accaduto ai personaggi di supporto, oppure cosa l’autore stesse davvero intendendo. E penso che questo sia qualcosa che abbiamo perso nell’intersezione tra il ‘dietro le quinte’ e ‘l’opinione della gente’. Per questo non lo faccio più. Credo che sia il mio lavoro quello di narrare la storia. Poi quella storia la do a voi. E dopodiché, a prescindere se la amiate od odiate, il mio unico lavoro è quello di non rovinarvi quell’esperienza. Perché è vostra. Comunque, è così che si evita una domanda.”

Successivamente, al fumettista è stato domandato quale membro degli X-Men gli è piaciuto scrivere più di quanto avrebbe mai pensato e se avrà modo di introdurre nuovi mutanti.

“Generalmente, non mi piace impostare un mucchio di nuovi personaggi quando prendo il controllo di una testata Marvel. Certo, ci sono volte in cui una trama che sto sviluppando necessita di un certo qualcosa e quindi sono costretto, ma per la maggior parte, voglio scrivere i personaggi preesistenti. Questo è vero in particolar modo con gli X-Men perché loro ne sono già tanti e, beh, ho aspettato la mia intera vita per scrivere Palle D’Oro.”

Dopo ciò, Jonathan Hickman ha spiegato quanto ha dovuto lavorare a stretto contatto con la Casa delle Idee per sincronizzare la chiusura di Uncanny X-Men e delle altre testate mutanti che, come vi abbiamo spiegato in apertura, giungeranno al termine per far spazio a House of X e Powers of X.

“Quando è stata presa la decisione di concludere tutto ciò prima che facessimo House of X e Powers of X, la grande domanda era cosa fare con i fumetti che debutteranno prima di luglio. Lasciare il piano d’opera aperto non è mai stata una considerazione seria poiché, sapete, la Marvel è orgogliosa che i suoi editor abbiano un lavoro da fare e sul fatto che la compagnia effettivamente pubblichi fumetti. Quindi, dopo un po’ di avanti e indietro sapendo ciò che io avevo pianificato, Jordan e gli scrittori hanno messo insieme un mix di storie e serie molto intriganti, e all’infuori di un po’ di dettagli estremamente minori, nessuno ha ricevuto dei programmi da raggiungere, o dei punti di partenza, e io personalmente non ho dato note a nessuno. Sia House of X che Powers of X iniziano da un punto veramente limpido. Per cui quei fumetti che vengono prima avevano un mandato molto particolare, che fondamentalmente era, ‘semplicemente vai fuori di testa, vai forte e svolgi un lavoro eccezionale’. Voglio aggiungere che sono un po’ deluso dal fatto che alcune persone stiano dicendo che il lavoro che è stato fatto — che le storie che sono state raccontate — non importano perché io sto facendo qualcosa di mio dopo quanto è venuto prima. Personalmente, credo che ciò che importa quando compri un fumetto, o vedi un film, è se ti è piaciuto. Se la risposta è sì, allora ne è valsa la pena. Se la risposta è no, allora non ne è valsa la pena. Questo potrebbe essere superficiale, ma è quello che penso.”

Durante la sua amata gestione dei Vendicatori, Hickman è riuscito a far entrare nel team di eroi più potenti della Terra perfino due noti membri dei Nuovi Mutanti, ossia Sunspot e Cannonball. Lo scrittore ha concluso la sua lunga intervista svelando che non intende riutilizzare i due personaggi in questione per le sue X-trame, dichiarando che “non li riporterò a casa”.

House of X #1 e Powers of X #1 saranno acquistabili negli USA rispettivamente a partire dal 24 e dal 31 luglio.

Fonte: CBR

Altri articoli in Anteprime

Marvel, le prime pagine di Russell Dauterman per il finale di War of the Realms!

Gianfranco Autilia23 Giugno 2019

Marvel: le prime tavole tratte da Wolverine & Captain America: Weapon Plus #1!

Gianfranco Autilia15 Giugno 2019

DC lancia Legion of Super-Heroes: Millennium, ecco i character design di Ryan Sook e le prime tavole!

Gianfranco Autilia14 Giugno 2019

Marvel Comics: le prime tavole di Mike Allred per Giant-Size X-Statix #1

Gianfranco Autilia12 Giugno 2019

Marvel, le prime pagine di Tradd Moore per Silver Surfer: Black #1!

Gianfranco Autilia9 Giugno 2019

Savage Avengers: Duggan parla del ruolo di Elektra e delle sue ispirazioni per la serie

Gianfranco Autilia6 Giugno 2019