Daredevil, Chip Zdarsky e Marco Checchetto presentano la loro run

Fumetti
Gianfranco Autilia

Negli Stati Uniti, la miniserie settimanale Man Without Fear scritta da Jed MacKay per i disegni di Danilo Beyruth terminerà la sua pubblicazione questo 30 gennaio con il quinto numero. Dopodiché, a febbraio, la Marvel Comics rilancerà Daredevil con una nuova testata sceneggiata e illustrata rispettivamente da Chip Zdarsky e Marco Checchetto. Il portale Comic Book Resources ha da poco diffuso in anteprima esclusiva le prime tavole in bianco e nero e alcuni sketch preliminari realizzati dal nostro Checchetto. Trovate tutte le immagini in questione di seguito.

Oltretutto, lo stesso sito ha anche avuto modo di intervistare il team creativo della testata dedicata al giustiziere di Hell’s Kitchen, chiedendo a Chip Zdarsky cos’è che rende attraenti personaggi più urbani come Spider-Man e lo stesso Daredevil. Lo scrittore canadese risponde così:

È la loro umanità. Daredevil in particolare è un personaggio che puoi esplorare di più attraverso la lente della realtà, piuttosto che, diciamo, i Fantastici Quattro, o anche Spider-Man. Trovo che Daredevil sia il più umano e complesso dei personaggi Marvel.”

Il disegnatore nostrano rivela invece di essere molto felice di ritornare a lavorare su Daredevil per via del suo stile urbano.

I personaggi urbani come l’Uomo Ragno, Daredevil e il Punitore sono i miei preferiti da disegnare. Disegnarli mi fa dimenticare che si tratta di un lavoro, anche se il mio approccio rimane comunque professionale. Li conosco molto bene, ho i miei cicli di storie preferiti e ho un’idea chiara su come vorrei disegnare questi eroi.”

In merito al suo approccio con il Cornetto e alle idee che il suo predecessore Charles Soule gli potrebbe aver offerto, Zdarsky afferma che Soule ha lasciato l’eroe distrutto mentalmente e che, malgrado Jed MacKay – lo sceneggiatore della miniserie Man Without Fear – lo abbia riportato in azione, ci sono ancora delle ripercussioni legate a ciò che Matt Murdock ha affrontato sulle pagine di “Death of Daredevil“.

“Avevo discusso con Charles all’inizio della pianificazione, e io avevo scherzato su come gli scrittori precedenti di Daredevil cercassero di mettere in difficoltà i nuovi sceneggiatori con dei cliffhanger. Fu in quel periodo che mi disse che stava ‘uccidendo’ Daredevil, e immediatamente mi pentii di aver fatto la mia battuta.”

Per quanto riguarda il lato del personaggio che più vedremo nel suo ciclo di storie, lo sceneggiatore dice che è come se Daredevil fosse stato in gabbia per diverse settimane e che ora potrebbe essere pronto a uscire.

“Ci concentreremo su tutto ciò che la violenza fa a una persona, al mondo, e a come Matt fa riconciliare tutto questo con le sue credenze. Lui è incredibilmente complicato e io sto facendo del mio meglio per immergermi nel profondo della sua psiche.”

Marco Checchetto ha poi spiegato: “Sono un tipo che sorride e ride parecchio, ma adoro disegnare persone tristi. Matt è uno dei personaggi Marvel più complicati e con tante sfaccettature. Per fortuna, lo script di Chip mi dà l’opportunità di esplorare il lato romantico, triste e arrabbiato di Matt. Per Daredevil, sto giocando molto con le ombre e le figure nere per accentuare la sua oscurità. Per Matt invece mi sono fatto ispirare dal giovane Robert Redford ne I Tre Giorni del Condor. Ho optato per i suoi vecchi occhiali neri e ho cambiato il suo modo di vestirsi. Ho apportato alcune variazioni al costume di Daredevil per renderlo un po’ più realistico visivamente, ma senza stravolgerlo, e sto cercando di curare ogni minimo dettaglio.”

Zdarsky parla anche dei suoi piani circa la figura di Wilson Fisk, da sempre cruciale nella vita di Matt Murdock.

“Fisk nel ruolo di sindaco è una carta troppo importante da non giocare, ma al momento io lo tengo impegnato sul suo percorso personale. Si sta chiedendo che cosa vuole, cosa ne sarà del suo futuro. E questo ha sempre meno a che fare con Devil, ma riguarda tutto il fumetto di Daredevil.”

Sempre riguardo al personaggio di Fisk, Checchetto svela al portale CBR le seguenti parole:

“Appena ho letto la prima scena del sindaco Fisk, mi sono subito chiesto: ‘Come mi avvicino graficamente al personaggio?’ e immediatamente mi sono detto: ‘Facciamo un passo indietro!’. Negli ultimi anni lui è sempre stato rappresentato in maniera realistica, certe volte anche troppo simile a Vincent D’Onofrio (che ho adorato nello show televisivo), ma per me il vero Kingpin è un’enorme bestia con una testa piccola, come quello disegnato da John Romita Jr. John è senza dubbio il mio artista preferito di sempre. Da bambino, amavo i suoi lavori su Spider-Man e Daredevil. Ogni suo fumetto era una gioia per me. Hey, John, se stai leggendo… ti amo! [Ride] Sto lavorando a questa serie davvero con il mio cuore, grazie alle storie di Chip e all’aiuto dei miei editor, Devin e Lauren. Faccio riferimento alle atmosfere degli anni di Miller/Mazzucchelli/Nocenti/Romita/Quesada.”

Zdarsky interviene per specificare che Checchetto ha aumentato i livelli qualitativi del fumetto.

“Le sue pagine sono semplicemente stupende. E chiaramente lui ha una passione per i personaggi. E per quanto riguarda la colorazione, volevamo essere certi di avere qualcuno che portasse una palette che facesse sposare lo stile tenue urbano con l’esuberanza di Daredevil, e Sunny Gho è stata la scelta perfetta. Rimango a bocca aperta quando mi arrivano le pagine finali.”

Per concludere l’intervista, CBR vuole sapere dallo sceneggiatore quanto lunghi sono i suoi piani per Matt Murdock e che cosa ha in serbo per lui in questo nuovo anno. Questa la sua risposta:

“Ci sarà una domanda con una risposta mutevole durante il corso del primo anno: chi è il nemico? Se so gestirlo, starò su questo fumetto per sempre. E voglio che ciascuna uscita sia una sorpresa. Voglio che le persone vivano ogni albo come se fosse il capitolo di un romanzo. Devi andare alla cieca, per così dire. Questa è l’unica intervista online che concederò per il primo arco narrativo, poiché voglio che il fumetto parli da sé.”

Daredevil #1 approderà sugli scaffali delle fumetterie d’oltreoceano precisamente questo 6 febbraio e avrà una copertina firmata da Julian Totino Tedesco.

Fonte: CBR

Altri articoli in Fumetti

Marvel Comics: Phil Lord scriverà una storia di Spider-Man Annual #1!

Gianfranco Autilia20 Aprile 2019

Marvel, Wolverine e Capitan America saranno protagonisti del one-shot Weapon Plus #1!

Gianfranco Autilia20 Aprile 2019

Amazing Spider-Man: Dan Hipp firmerà una back-up story, ecco la sua variant per il #25!

Gianfranco Autilia19 Aprile 2019

Marvel Comics cancella X-23 con il numero 12?

Gianfranco Autilia19 Aprile 2019

Ms. Marvel: ecco il nuovo costume di Kamala Khan concepito da Minkyu Jung!

Gianfranco Autilia19 Aprile 2019

Marvel Comics annuncia lo speciale Omega di War of the Realms

Gianfranco Autilia19 Aprile 2019