Fumetti

Chris Samnee si confessa: tra il passato in Marvel e il futuro in DC

Fumetti
Adelin Anghel

Ebbene sì, dopo l’annuncio di Chris Samnee dell’addio al Captain America (dopo il numero #700) di Mark Waid e alla Marvel, arriva la conferma del passaggio alla Distinta Concorrenza: durante un’intervista con Newsarama, infatti, Samnee ha parlato della sua carriera, dagli esordi con la Oni Press ai futuri progetti con la DC Comics:

“Dieci anni di Marvel, che si sentono tutti. E lasciare questo posto è effettivamente un po’ strano. Ho avuto la possibilità di lavorare su progetti molto divertenti, nel corso degli anni, con grandi persone, sia sceneggiatori che editor. Ma sentivo che era il momento giusto per qualcosa di nuovo e opportunità diverse.

Ai tempi degli esordi sul blog Comics Twart, io, Mitch Gerads, Evan Shaner, Mike Hawthorne, Declan Shalvey e Francesco Francavilla abbiamo dato vita a quel collettivo principalmente perché eravamo fan gli uni degli altri. Quindi non mi sorprende vedere che hanno fatto grandi cose. Impossibile prevedere che carriera si farà da giovani, in un mondo come quello del frumetto, perché ci sono davvero troppe variabili sulla strada del successo. Certamente ho sempre sperato in un percorso come quello che ho intrapreso e ho lavorato sodo per far si che si concretizzasse.

Ho passato circa dieci anni finendo un albo ogni quattro o cinque settimane e lavorando dietro le quinte a progetti che avrebbero fatto bene alla mia carriera. Secondo me, gran parte del successo nel nostro ambiente dipende dal lavorare duro e fare scelte intelligenti, in maniera che quegli sforzi abbiano un senso.

Aspettavo da Greg Rucka la sceneggiatura del quarto numero di Queen and County, quando mi fu offerto Area 10 per la Vertigo, parte di una nuova collana crime che stavano progettando. Fu allora che mollai la libreria per lavorare a tempo pieno nei fumetti. Ero giovane, senza figli, e avevo un sacco di passione e di voglia di far parte di questo settore.

Partecipavo a ogni convention possibile e portavo il mio portfolio ovunque per rimanere in contatto con gli editor, che spesso mi dicevano quanto gli piacesse il mio lavoro ma che non avevano idea di dove collocarlo. Quando arrivò Area 10, mi diedero così tanto da fare che mi sentii sicuro di poter lasciare il mio impiego.

Successivamente ha parlato del suo lavoro su Thor: il Possente Vendicatore e di come non abbia avuto la possibiltà di dare alla serie il finale che meritava:

“Era una storia dolce e onesta, divertente e romantica. Lavorarci è stata una gioia. Non potrò mai parlarne bene abbastanza e ancora oggi è una sensazione dolceamara ripensarci, perché avremmo davvero voluto realizzare il finale che desideravamo. Ma sono grato di tutta quell’esperienza e di aver collaborato con colleghi talentuosi come Robert Langridge e Matt Wilson. Ne sono orgoglioso.

Chris Samnee

Dal mio passaggio alla DC mi sono divertito molto a leggere le speculazioni della gente sulla serie su cui mi vorrebbe vedere. Non credo sia un gran segreto che mi piacerebbe disegnare qualcosa che riguardi Batman. Mi piacerebbero molto Superman, Wonder Woman e Lois Lane. C’è un sacco di roba anche al di là dei fumetti, su cui mi piacerebbe lavorare: animazione, storyboard, libri per bambini. E raccontare le mie storie come autore completo è decisamente sulla lista dei desideri.

Sin qui, ho già provato la sensazione di aver raggiunto il limite. Non ci sono molti giorni di vacanza se sei un disegnatore di fumetti. Questo lavoro può essere una tassa, con le sue scadenze onnipresenti per gran parte degli ultimi dieci anni. La maggior parte delle mie pause sono state dedicate ai miei figli, quando erano neonati.

Adoro realizzare fumetti, e parte del trucco per non bruciarsi è accettare progetti che mi entusiasmino veramente. Sono stato davvero fortunato, in questo senso, e ho più libertà che mai ad oggi. Quindi no, non mi vedo diventare qualcos’altro nella vita.

Il lavoro di cui sono più orgoglioso in assoluto, a parte Thor, sono i miei dodici numeri di Black Widow. E’ stata la prima volta in cui ho potuto portare il peso della scrittura, oltre a quello dei disegni, ed è stata una grande soddisfazione dal punto di vista creativo. Sentivo di avere l’opportunità di spingere più in là le mie abilità di narratore e di stare davvero al volante di una storia.

Chris Samnee

Per i prossimi dieci anni, questa è una cosa che mi interesserebbe molto fare. Spero di passare un sacco di tempo a creare i miei fumetti indipendenti. Mi piacerebbe molto mettere un piede nel mondo dell’animazione o del cinema. Magari del character design. Ho decisamente degli obiettivi ambiziosi, a cui sto già lavorando. Ma, ad ogni modo, da qui a dieci anni mi vedo ancora disegnare fumetti.”

Altri articoli in Fumetti

Panini Comics annuncia i nuovi volumi della Venom e della Spider-Man Collection

Gianfranco Autilia24 Giugno 2019

Panini Comics ristamperà gli Avengers di John Byrne a dicembre

Gianfranco Autilia24 Giugno 2019

DC Comics annuncia una lunga lista di graphic novel per giovani lettori

Gianfranco Autilia24 Giugno 2019

Marvel, le prime pagine di Russell Dauterman per il finale di War of the Realms!

Gianfranco Autilia23 Giugno 2019

Marvel, House of X: un nuovo teaser dice di “Affrontare il Futuro”

Gianfranco Autilia23 Giugno 2019

Miles Morales: Spider-Man, Saladin Ahmed riporterà in grande stile l’Universo Ultimate!

Gianfranco Autilia23 Giugno 2019